Affiliato: STUDIO GUALDO TADINO SRL
Partita IVA: 02872800541 - P.zza Martiri della Libertà, 14 - 06023 GUALDO TADINO (PG)
Tel.: 075910431 - Email: pghb3@tecnocasa.it - Fan page Facebook

La nostra zona
Intorno a noi

Gualdo Tadino sorge ai piedi dell'Appennino Umbro-Marchigiano a 535 metri di altitudine. La città conta oltre 15.000 abitanti ed è immersa in un ambiente naturale connotato da abbondanza di acque, aria salubre e particolare varietà del paesaggio dominato dalla dorsale appenninica, boschi e pinete, ampie distese di prati perenni che danno vita a suggestive fioriture policrome e da cime suggestive: Monte Penna (m. 1432), Monte Nero (m. 1413), Monte Maggio (m. 1361), Monte Serrasanta (m. 1348), Monte Fringuello (m. 1186).
Il territorio è ricco di sorgenti di acque freschissime, la più famosa, per l'omonima acqua minerale, è la sorgente della Rocchetta. L'acqua di questa sorgente è attingibile da quattro rubinetti diversi, due dei quali sono collocati all'interno dell'omonimo parco dotato di zona pic-nic.
Dalla città si può salire verso Valsorda (1006 m), vallata che trae il suo nome dall'assenza dell'eco, incastonata tra il Monte Serrasanta e il Monte Maggio. Rappresenta la località più celebre della montagna gualdese, dove è possibile praticare non solo escursionismo e trekking, ma anche equitazione, sci da fondo e da escursionismo, mountain bike e volo a vela. Valsorda si raggiunge tramite una comoda strada che parte dal centro storico, lungo la quale attorno ai 600 metri è possibile visitare il nuovo centro turistico di San Guido munito di ristorante, zone attrezzate e zone sportive. Attualmente a Valsorda oltre alle abitazioni private, costruite tra gli anni Sessanta e Settanta, sono a disposizione degli escursionisti quattro strutture ricettive, un camping e tre bei rifugi tutti perfettamente ristrutturati ed arredati, e un ristorante.
Dalla splendida vallata è possibile raggiungere le vette circostanti attraverso antichi sentieri e tratturi, percorribili anche in mountain bike e a cavallo, per ammirare il paesaggio incontaminato e di rara bellezza dell'Appennino Umbro-Marchigiano. Lo sguardo va dal Monte Catria sino ai Sibillini, a scorgere affascinanti borghi pedemontani e, in lontananza, il Mare Adriatico.
Tanti sono i percorsi possibili, tutti accomunati dalla grande bellezza dei paesaggi, dei panorami, del rigoglio della natura, dalla tranquillità e dalla stupefacente varietà della flora. Sono decine le specie vegetali tipiche, fra le quali moltissime e rarissime varietà di orchidee selvatiche, gigli, narcisi, la cui fioritura è particolarmente spettacolare da maggio fino a fine giugno, quando i prati si colorano delle tinte più disparate.
Infine, come un gioiello incastonato fra le montagne gualdesi, si erge il castagneto, uno dei pochi presenti in Umbria impiantato all'inizio del II° millennio dai monaci benedettini alle pendici del Monte Maggio, che grazie alle peculiarità del terreno ed alla felice ubicazione, produce frutti di riconosciuto valore ed in particolare dolcissimi marroni. Gualdo Tadino è nota nel mondo per la produzione di maioliche artistiche a riflessi metallici oro e rubino realizzate secondo l¿antica tecnica cinquecentesca di Mastro Giorgio Andreoli. Gualdo Tadino è anche enogastronomia e tradizione. In città è possibile assaporare prodotti tipici locali, dai funghi ai tartufi, dalle carni più pregiate alla barbozza. Degno di nota è l¿olio extra-vergine di oliva prodotto dalle olive dell'autoctona cultivar di Rigali. Numerose sono inoltre le manifestazioni popolari e le rievocazioni storiche e religiose che si susseguono durante tutto l'anno. Imperdibile è la disputa dell'antico Palio di San Michele Arcangelo, patrono della città, meglio noto come i Giochi de le Porte.

Piazza Martiri della Libertà
Piazza Mazzini
La Rocca Flea
La Piazza vista dall'alto

Eventi
Cosa succede

MERAVIGLIA ED ESTASI - MOSTRA DEDICATA A LUCIANO VENTRONE
‘Meraviglia ed estasi’. Non è solo il titolo ma anche l’effetto che promette di suscitare nel visitatore la mostra dedicata alle opere del pittore romano contemporaneo Luciano Ventrone, presentata giovedì 29 marzo a Gualdo Tadino, città che la ospiterà dal 17 aprile al 28 ottobre nella Chiesa monumentale di San Francesco.


L’esposizione, che sarà inaugurata domenica 15 aprile, è promossa dal Polo Museale Città di Gualdo Tadino con il patrocinio del Comune ed è organizzata dall’associazione Archivi Ventrone. A curarla Vittorio Sgarbi e Cesare Biasini Selvaggi, il quale ha preso parte alla presentazione insieme a Catia Monacelli, direttore del Polo Museale, Massimiliano Presciutti e Fabio Pasquarelli, rispettivamente sindaco e assessore alla Cultura di Gualdo Tadino.
Il percorso espositivo conduce il visitatore in un mondo in cui si fondono pittura, luce, forma, colore, scenografia e illusione, per creare immagini dalla forte spettacolarità. A partire dalle sue proverbiali nature morte, tradotte sulla tela con la sua inconfondibile cifra pittorica dalla tecnica senza imperfezioni. Un ‘pittore senza errori’ che colpì e conquistò nei primi anni Ottanta il gusto e l’interesse critico di Federico Zeri. Fiori e frutta sono tra i soggetti più indagati dall’artista a cui lo stesso attribuisce allusioni simboliche.
Nell’esposizione, che racchiude una ventina di opere, anche due rari nudi che rappresentano un momento di riflessione sulla bellezza spirituale del corpo femminile e sulla sua plasticità. Completano, infine, la mostra due inediti paesaggi, ‘Silvi Marina’ e ‘I racconti del vento’, rispettivamente una marina e un deserto, vere e proprie istantanee di luce e colore dove il sole sostituisce la fredda e artificiale luminosità elettrica delle nature morte.
“Ventrone – ha spiegato Biasini Selvaggi (foto a destra) – esagera e perfeziona il reale, costruendo una realtà assolutamente artificiale. È un mago del colore e della ricerca a cui ha dedicato oltre 50 anni. Grande appassionato di scienza, ha iniziato proprio aiutando i medici a costruire le tavole anatomiche quando i sistemi di riproduzione non erano avanzati come quelli di oggi. Sapeva essere più preciso di un computer”.
“L’estasi – ha commentato Monacelli – altro non è che uno stato di sospensione totale della realtà e vi assicuro che davanti a un’opera di Ventrone si rimane completamente sospesi per la sua grande capacità, quasi fotografica, di raccontare la natura morta, il paesaggio o il nudo femminile”. “Gualdo Tadino – ha dichiarato Presciutti – continua ad accogliere grandi opere d’arte. Dopo il successo delle mostre su Ligabue-Ghizzardi e Cagnacci-Tiepolo, adesso abbiamo il piacere di avere Ventrone”.
Gli orari della mostra sono i seguenti: da martedì a domenica 10-13 e 15-19. Il biglietto di ingresso intero, 6 euro, permette anche di accedere a tutti i musei cittadini: la Fortezza Federiciana Museo Civico Rocca Flea, il Museo Opificio Rubboli, il Museo Archeologico degli Antichi Umbri, il Museo della Ceramica e il Museo Regionale dell’Emigrazione ‘Pietro Conti’); il ticket ridotto “A” di 5 euro è riservato a over 65, gruppi superiori alle 15 unità; il ridotto “B” a 3 euro è invece per istituti scolastici, studenti universitari, bambini 7-12 anni. Ingresso gratuito per bambini fino ai 6 anni di età. Visita guidata senza costi aggiuntivi sul biglietto, venerdì, sabato, domenica e festivi alle 16 (durata 45 minuti); Audio guida: costo aggiuntivo di 2 euro.

I servizi intorno a noi
Cosa cerchi?

compravenduto
Pubblicazione dati sul compravenduto

venduto da noi
tipologia mq bagni locali prezzo distanza
4 locali 120 1 - € 290.000 28 m
4 locali 120 2 - € 131.000 66 m
ter. residenziale 700 0 1 € 13.000 153 m
3 locali 85 1 - € 80.000 185 m
4 locali 85 1 - € 70.000 799 m
6 locali 150 4 - € 100.000 835 m
casa semindipendente 150 0 5 € 35.000 2 km
ter. residenziale 2070 0 1 € 28.000 4 km
4 locali 110 1 - € 148.000 4 km
casa semindipendente 50 1 2 € 20.000 4 km
venduto in zona
tipologia mq bagni locali prezzo distanza
Nessun immobile selezionato.

Contattaci



Affiliato: STUDIO GUALDO TADINO SRL
P.zza Martiri della Libertà, 14 - 06023 GUALDO TADINO (PG)
Zona: Gualdo Tadino - Fossato - Sigillo
Tel. 075910431
Orari: Ma. 9.00 - 13.00 Pm. 15.30- 19.30 Sabato chiuso il pomeriggio.
Un grande gruppo ha delle responsabilità
Il gruppo Tecnocasa sostiene e promuove i progetti della Fondazione MilleSoli Onlus realizzati in India. Case famiglia, scuole e strumenti per la crescita sono i progetti che in più di dieci anni sono stati promossi per i bambini. Partecipa con una donazione o con il versamento del tuo 5x1000.
Scopri come